fbpx

DALLA CASSETTA DEGLI ATTREZZI DEL DESIGNER: IL TEST DI USABILITÀ

INSIGHT

DALLA CASSETTA DEGLI ATTREZZI DEL DESIGNER: IL TEST DI USABILITÀ

Tenendo bene a mente che noi non siamo i nostri utenti, il modo migliore per creare prodotti che hanno come cardine la centralità dell’utilizzatore è, senza dubbio, renderlo partecipe negli step principali di un progetto:

  • durante la fase di analisi e ideazione, per creare empatia attraverso interviste e questionari
  • durante la fase di test, per assicurarsi che le scelte effettuate rispettino le regole di  usabilità e rientrino in ciò che l’utente si aspetta.

Il test di usabilità è lo strumento più potente che abbiamo per analizzare congiuntamente i concetti di usabilità e centralità dell’utente e, non da meno, per comunicare la loro importanza.

Il test di usabilità deve essere svolto in tutte le fasi di un progetto e in base ad esse cambia la sua connotazione e il suo scopo:

  • Test di usabilità comparativo: valuta un design in base ai competitor o ad una versione precedente di esso
  • Test di usabilità esplorativo: definisce quali funzionalità e contenuti deve avere e in che modo un prodotto risponde ai bisogni dell’utente
  • Valutazione di usabilità: effettuato pre e post lancio, garantisce che il prodotto assicuri un’ottima esperienza utente

In relazione ai risultati che si vogliono ottenere e gli aspetti da valutare, questi test possono essere eseguiti su diversi supporti:

  • sketch
  • flussi
  • site map
  • wireframe
  • mockup
  • prototipi carta
  • prototipi interattivi (lo-fi, hi-fi)
  • prodotto finale
  • ecc …
come fare test di usabilità

In alcuni casi è richiesto che essi vengano registrati, per produrre delle analisi e dei report approfonditi, in modo da poter documentare e comunicare al meglio le strategie e le decisioni prese post esaminazione.

CASE: Fast2drive.it

Recentemente abbiamo effettuato un test di usabilità post lancio su Fast2drive.it, il nostro comparatore di offerte per il noleggio a lungo termine (NLT).

Lo scopo era verificare il comportamento dell’applicazione su dispositivi mobili, per assicurarci di garantire la miglior esperienza possibile alla maggior parte dei nostri utenti (più del 60% provengono da mobile secondo i dati di Analytics a nostra disposizione)

PREPARAZIONE DEL TEST

1) Task
Dopo un’analisi attenta del sistema, abbiamo individuato una serie di possibili criticità su cui volevamo accertarci e abbiamo definito un possibile scenario di utilizzo che coprisse questi punti.

come fare un test di usabilità

2) Ingaggio
Siamo passati poi alla selezione degli utenti da testare.

Essendo Fast2drive.it un’applicazione pubblica che non richiede una conoscenza accurata del settore, abbiamo deciso di reclutare i tester internamente a Interlogica – badando bene di tenere un range abbastanza eterogeneo di dispositivi, di conoscenza del contesto e di familiarità con la tecnologia.

La richiesta di partecipazione è stata inviata tramite workplace, uno strumento messo a disposizione da Facebook per la collaborazione aziendale, che Interlogica utilizza quotidianamente con ottimi risultati.

3) Allestimento
Trattandosi del primo test di usabilità mobile a cui andavamo incontro, la parte forse più difficile è stata la configurazione del set per la registrazione audio/video dell’esame.

Dopo vari esperimenti abbiamo trovato l’equilibrio con la seguente struttura:

  • treppiede
  • smartphone munito di software per la ripresa in streaming del dispositivo dell’utente esaminato
  • PC con Camtasia registrante il video proveniente dallo smartphone, l’audio e il partecipante.

Cruciale per garantire la completezza del test è stato documentare le reazioni dell’utente durante l’esecuzione delle attività.

4) Svolgimento

Il test si è sviluppato in 2 giornate lavorative e ha coinvolto 4 utenti e 2 designer. Ogni sessione è durata all’incirca 1 ora, organizzata in:

  • introduzione: breve discorso imprescindibile per chiarire gli scopi del test, mettere l’utente a proprio agio e ricevere il consenso per la registrazione
  • svolgimento dei task: presa in carico delle attività assegnate da parte dell’utente e svolgimento di esso, pensando ad alta voce
  • considerazioni finali: spazio ai commenti sul test ed eventuali punti da chiarire e/o domande a cui rispondere

Di fondamentale importanza per assicurare la qualità e la purezza del test è stata la figura del moderatore, che ha garantito la piena libertà d’azione del partecipante, senza interferire nell’esecuzione, per mantenere il risultati del test il più possibile autentici e puri.

CONCLUSIONI

Da questo test sono risultate una serie di problematiche di usabilità, perlopiù riguardanti dispositivi di fascia bassa, tra le quali:

  • l’interfaccia di comparazione è risultata troppo ingombrante e non ha permesso l’aggiunta di nuovi veicoli
  • i bottoni disabilitati hanno creato confusione all’utente, che non è riuscito a valutarne lo stato
  • le performance, a causa di task simultanei, hanno rallentato saltuariamente l’applicazione

Il test è servito anche a raccogliere spunti interessanti per lo sviluppo del core business dell’applicazione e evidenziare possibili opportunità per il futuro.

Il tutto è stato inserito in un report in cui sono state descritte le sessioni, classificate e prioritizzate le criticità da risolvere, registrati possibili miglioramenti e definite le strategie per il prosieguo dei lavori.

Ciò ha permesso di intervenire in maniera puntuale per migliorare l’applicazione e eliminare le fastidiose frizioni che condizionavano l’esperienza dell’utente.

2018-08-03T11:27:34+00:00 Scritto da |Categories: Insight|Tags: |

About the Author:

ULTIMI ARTICOLI

Scritto da | agosto 9, 2018|

COME TI RENDO IL RECRUITMENT AGILE

Leggi di più

Scritto da | agosto 2, 2018|

GraalVM: IL SANTO GRAAL DELLE VIRTUAL MACHINE

Leggi di più

Scritto da | luglio 19, 2018|

TU CHIAMALE SE VUOI… SOFT SKILLS

Leggi di più