fbpx

HR-TECH: TREND TOPIC 2020 

INSIGHT

HR-TECH: TREND TOPIC 2020 

Ormai è abbastanza chiaro: viviamo in un’epoca di innovazione e cambiamento repentini. Costante è l’arrivo di nuovi strumenti, sistemi e infrastrutture che in un breve lasso tempo diventano essenziali rivoluzionando il modo di lavorare così come lo abbiamo conosciuto fino a quel momento.
E lo scenario non è diverso quando si parla di Human Resources. I valori e le tecniche condivise dai membri della comunità HR fino a poco tempo fa, hanno subito una profonda metamorfosi.

La tecnologia costituisce di per sé un solido elemento di base per intervenire sui processi, ma la trasformazione che ne consegue per generare valore deve comportare non solo l’upgrade digitale, ma anche una revisione radicale dell’organizzazione chiamata ad adeguarsi con rapidità, riconfigurando le proprie strategie, le tecnologie e le strutture.

A differenza di ciò a cui abbiamo assistito negli scorsi anni, il paradigma vincente per il 2020 e oltre sta andando nella direzione dello sviluppo massiccio di tecnologie principalmente incentrate sulle persone – sempre di più un asset fondamentale per il successo di un’organizzazione – invece che sull’aspetto amministrativo delle Risorse Umane. E la pressione si fa ancora più incombente in considerazione del momento di repentino e obbligato cambiamento delle abitudini di lavoro imposto dall’emergenza coronavirus.

Avere una buona comprensione del panorama tecnologico e dei suoi sviluppi aiuta a comprendere dove sta andando il settore e come poter sfruttare al meglio, all’interno della propria HR Strategy, ognuna di queste opportunità.

Intelligenza Artificiale e automazione

L’Intelligenza Artificiale abilita un nuovo modo di immaginare il settore HR, le persone, il loro lavoro e gli ambiti di applicazione della professione.
Il 2020 sarà ufficialmente l’anno della consacrazione per l’IA applicata al mondo HR non solo nell’ambito del recruiting, anche in altri processi come la gestione del personale, automatizzando attività a scarso valore aggiunto, velocizzando la fase decisionale e fornendo informazioni migliori per prendere le decisioni.
L’IA favorisce l’incontro tra domanda e offerta, aiuta a rielaborare i processi riducendo i tempi di selezione e l’assunzione dei candidati, consente infatti di classificare e ordinare le candidature, attività spesso lunga e onerosa.
Il futuro prossimo dell’HR cambia passando attraverso sistemi di apprendimento autonomo, riconoscimento visuale e vocale, sensoristica, machine learning e molte sfumature rese possibili dalle infinite possibilità di interazione uomo-macchina.

HR Analytics

In che modo gli Analytics possono essere d’aiuto al comparto People?
Con l’aiuto delle HR Analytics, i professionisti delle risorse umane possono combinare e analizzare i dati raccolti per ottenere le informazioni necessarie a prendere decisioni ponderate e basate su dati oggettivi, invece che su intuizioni.

Con la giusta combinazione di dati a disposizione, le possibilità di ottenere insight utili sono praticamente infinite.
Gli Analytics usati come uno strumento per migliorare la qualità del lavoro, sempre più precisi e sofisticati, non saranno più esternalizzati ma gestiti internamente.

Reskilling e Upskilling

I rapidi cambiamenti del mercato richiedono un altrettanto rapido aggiornamento delle competenze, situazione che sarà coadiuvata dalla possibilità di erogare contenuti formativi in digitale anche su mobile.

Nuove tecnologie uguale nuove competenze. E questo è un fatto che non può più essere sottovalutato. Si rende quindi necessario avviare una cultura di upskilling (incrementare le competenze) e reskilling  (passaggio ad un nuovo ruolo attraverso un percorso formativo ad hoc), tanto più per il comparto HR che si vede posto di fronte ad un cambio di priorità aziendale che punta alla riqualificazione delle competenze delle persone.

Chatbot

Così come nella vita di tutti i giorni, anche sul posto di lavoro si richiedono riposte pronte e precise. Uno degli strumenti che sin dal primo approccio rende il processo di gestione immediato è il Chatbot.

Dopo qualche anno di test, legato soprattutto alla fase di recruiting, si inizierà la sperimetazione di questi strumenti anche nella gestione delle persone, a partire dal processo di on-boarding, con una drastica riduzione dei “tempi morti” e risposte immediate per i candidati.
Il Chatbot risponde con puntualità alle domande generando risposte automatizzate e colloquiali alle richieste degli utenti.
Nelle aziende si può occupare anche della gestione di informazioni relative a permessi e ferie, riducendo di conseguenza il carico di lavoro amministrativo degli HR Manager.
Non solo, e grazie ad una maggiore integrazione con l’IA, i chatbot riescono ad usare il contesto di riferimento e algoritmi di NLP e Machine Learning per imparare e offrire un’esperienza personalizzata.

Gamification

Sempre di più nel corso degli anni il settore delle Human Resources ha assistito ad un mutamento e una progressiva digitalizzazione che strizza l’occhio al linguaggio dei Millennial.
È sempre maggiore, infatti, il numero di realtà, sia italiane che estere, che si informa o adotta la Gamification come strumento per incrementare le performance lavorative e per migliorare il welfare aziendale.
L’HR Gamification consiste nell’applicazione di meccaniche di gioco e di tecniche di game design in un contesto lavorativo, più precisamente nella sfera della ricerca, della gestione e della motivazione del personale.

Nel corso di quest’anno le logiche di gamification si apriranno la strada nella formazione, nella comunicazione interna e nella mappatura delle competenze, svecchiando e modernizzando processi vecchio stampo e rendendoli attività stimolanti e coinvolgenti per candidati e dipendenti.

Experience e Engagement

hr-tech trend 2020L’attenzione ai touchpoint tra persone e azienda sarà ai massimi livelli grazie anche alla diffusione di applicativi HR interattivi. Sono facili da usare e trasparenti, in grado di garantire feedback tra colleghi e la messa in pratica di sistemi premianti innovativi con il risultato di migliorare la Retention e l’Employer Branding.

Grazie all’uso di Analytics, Intelligenza Artificiale o Machine Learning, le Risorse Umane hanno a disposizione per l’analisi una quantità sempre maggiore di dati sull’esperienza dei dipendenti ottenuti da diversi canali, come ad esempio i questionari sul coinvolgimento.

Mettendo a frutto questi dati si possono intersecare una varietà di indicatori comportamentali, emotivi e attitudinali utili alla progettazione di processi che guidano verso una migliore comprensione dell’esperienza e del coinvolgimento delle persone – e la chiave per sviluppare queste aree all’interno dell’organizzazione.

Realtà Virtuale e Realtà Aumentata

hr-tech trend 2020Queste due tecnologie vivranno una nuova spinta e non solo nel comparto della formazione.
Ci sono diverse modalità per usarle per migliorare le capacità delle risorse umane, soprattutto per quanto riguarda il Recruiting e l’Assunzione, l’On-boarding, la formazione e la comunicazione interna.

Le attività VR aiutano a individuare i candidati più qualificati nella fase di pre-intervista. Nella fase di colloquio, il VR può consentire ai candidati di dimostrare le loro capacità pratiche, inoltre se per il ruolo è richiesta molta formazione on-the-job, il VR può essere un ottimo investimento.

Non si può prevedere quali sviluppi tecnologici nell’ambito delle Risorse Umane andranno a vantaggio di quale tipo di organizzazione fino a quando non se ne attiverà la sperimentazione garantendo risorse adeguate, gestione del cambiamento e processi di supporto.
La vera chiave per trarre vantaggio da questi trend non è abbracciarli tutti, ma prendere decisioni consapevoli sulla strada da seguire. E prima di introdurre tecnologie o flussi di lavoro, è quindi necessario assicurarsi di aver gettato solide fondamenta – il cambiamento richiede tempo, ogni organizzazione è differente, e ci saranno tanti approcci efficaci quanti sono gli esseri umani.

I team HR avranno il compito di mantenere il delicato equilibrio tra umanità e tecnologia garantendo l’incontro tra competenze “analogiche” e sistemi tecnologici, in modo che entrambi entrambe portino il meglio di sé.
D’ora in avanti si dovranno cogliere nuove sfide: una migliore gestione dei talenti, una trasformazione dei metodi di formazione e dei processi di recruitment. Si tratta di favorire e reinventare con l’ausilio della tecnologia la trasformazione di questa professione, che si sta affrontando una evoluzione sia nei suoi contenuti che nella forma.

Nessuno può prevedere il futuro, ma una cosa è certa: la tecnologia continuerà a cambiare le carte in tavola, quindi preparatevi per l’emozionante viaggio che vi aspetta!

2020-06-26T15:32:45+02:00 Scritto da |Categories: Blog|Tags: , , |

About the Author:

ULTIMI ARTICOLI

Scritto da | Giugno 15, 2020|

SMART WORKING: PRO E CONTRO. IL REPORT DI INTERLOGICA

Leggi di più

Scritto da | Marzo 31, 2020|

RAPPORTO CLUSIT 2020: MALWARE ANNUS HORRIBILIS

Leggi di più

Scritto da | Marzo 24, 2020|

INSIDE SMART WORKING

Leggi di più