L’IOT DALLA A ALLA Z IN 4 PUNTI E 2 PUNTATE

da

Da Wikipedia: “IoT – Internet of Things – in telecomunicazioni Internet delle cose (o, più propriamente, Internet degli oggetti) è un neologismo riferito all’estensione di Internet al mondo degli oggetti e dei luoghi concreti.”

1. IOT, COS’È

Il termine IoT fa la sua prima comparsa nell’intervento di Kevin Ashton, ricercatore del Massachusetts Institute of Technology per colmare una lacuna sulla scelta del nome da poter dare agli oggetti reali collegati alla rete. In parole povere si parla di dispositivi digitali che dialogano con internet attraverso la raccolta e la trasmissione dei dati. Il fenomeno ha assunto contorni oramai impressionanti, è noto infatti che dal 2008 sono più i “non umani” connessi che non il contrario.

Quello dell’IoT è un mercato che preme sull’acceleratore grazie anche ai vantaggi messi sul piatto da soluzioni sempre più raffinate e convenienti. Per le aziende è un’occasione di sviluppo sempre più ghiotta anche a livello economico, che ha trovato terreni fertili per espandersi e svilupparsi. Si può quindi parlare di una trasformazione su larga scala che è anche un mezzo fruttuoso di rendere produttivo il business.

2. COSA SERVE L’IOT

Il fenomeno dell’Internet delle cose è presente in realtà da molto tempo, nonostante il termine possa sembrare astruso da comprendere, è assolutamente probabile che molti tra voi possiedano prodotti che si caratterizzano per questa tecnologia. L’IoT è entrato letteralmente nelle nostre case, nelle nostre macchine, lo “indossiamo”, lasciamo che in un modo o nell’altro modifichi il nostro modo di vivere e lavorare “infarcendolo” di dati e statistiche.

Vi sarà capitato di pensare che sarebbe comodo poter chiedere al vostro frigorifero cosa sta per esaurirsi per poterne fare scorta, al forno di realizzare in autonomia la ricetta che tanto vi piace, alla televisione di mandare in onda un programma che vi interessa, e allo stereo di far partire una compilation che segua l’umore del momento. A pensarci, non è molto lontano il tempo in cui sarà effettivamente possibile realizzare tutto questo.

iot cose-e-cosa-serve

Altri “oggetti” connessi sono anche l’orologio che raccoglie informazioni mentre camminiamo o facciamo sport e le trasmette al cellulare, braccialetti intelligenti che controllano il sonno e la veglia, apparecchi che monitorano i comportamenti non solo delle persone, ma anche degli animali.

Spostando il focus in ambito aziendale, l’IoT comprende una quantità di sensori che possono essere usati per controllare termostati, per ottenere le misurazioni di movimento e presenza, dispositivi wireless e applicazioni per rendere più efficiente il consumo energetico. Tutte applicazioni che rendono gli ambienti di lavoro intelligenti, personalizzati, automatizzati e sostenibili. Stiamo parlando di Smart Office che prevede un utilizzo ottimizzato degli spazi di lavoro e rende il modo di lavorare delle persone più “Smart” in ufficio. Questo grazie all’uso di un concerto di tecnologie come EMS (Energy Management System), BMS (Building Management System) e soluzioni di Space Management, tutte tecnologie sulle quali Interlogica sta sviluppando soluzioni innovative.

CONCLUSIONI

In questo primo accenno sull’universo dell’IoT abbiamo analizzato cos’è e a cosa serve questa tecnologia. Nel prossimo capitolo prenderemo in considerazione la questione sicurezza e alcuni esempi pratici di “cose” connesse.

CONTINUA

VUOI APPROFONDIRE L’ARGOMENTO?

Smart Office: tra informalità e customizzazione
Smart Office: tecnologie di comunicazione e un caso concreto
Smart working e Facility management: Interlogica li sviluppa con l’IoT

Blog

DUE PAROLE COL VINCITORE DEL TITOLO CODE CHAMPION 2022

DUE PAROLE COL VINCITORE DEL TITOLO CODE CHAMPION 2022

Le luci sul Code in the Dark si sono abbassate da poche settimane. Stessa location, ARGO 16, stesso format internazionale dedicato ai frontendisti, per un ritorno grandioso dopo i due anni forzati di stop, che registra una partecipazione di pubblico oltre ogni...

DESIGN FOR HUMANITY / PROGETTARE PER GLI ESSERI UMANI

DESIGN FOR HUMANITY / PROGETTARE PER GLI ESSERI UMANI

Quando si progetta un prodotto, la prima cosa che si fa è conoscere le persone che lo useranno.  I prodotti sono pensati per essere utilizzati da milioni di persone, ma in realtà ogni interazione tra il prodotto/fruitore è personale.  Spesso si tende a...